Sono preoccupato per la salute di un familiare

Vivere accanto ad una persona con difficoltà psichiche può essere difficile nella vita di tutti i giorni. Come si può essere di aiuto preservando allo stesso tempo il proprio benessere? Dove si possono trovare le informazioni e il sostegno necessari per una presa in carico adeguata delle persone in difficoltà?

Esistono numerosi servizi e informazioni in ogni Cantone. Ecco alcuni spunti di riflessione e possibili interventi per i familiari.

Il comportamento di un familiare vi preoccupa. Cosa fare?

Una persona del proprio entourage (padre, madre, marito, moglie, figlio, amico…) non si sente bene o non si comporta come al solito. Nelle ultime settimane si osservano comportamenti quali ad esempio:

  • allontanarsi sempre di più dagli amici e isolarsi
  • manifestare una grande tristezza
  • presentare disturbi del sonno, confondere il giorno con la notte
  • mangiare sempre meno o, al contrario, in continuazione
  • consumare alcol o droghe contrariamente alle abitudini
  • fare fatica ad esprimersi, cercando le parole
  • fare fatica a concentrarsi per guardare un film o leggere un libro
  • dimenticare di svolgere le attività della vita quotidiana
  • avere l’aria assente
  • sentire delle voci o vedere cose che altri non sentono o vedono
  • comportarsi in modo bizzarro, sentirsi spiato, sorvegliato
  • avere pensieri suicidali o aver compiuto un gesto suicidario.

Non si sa esattamente cosa stia succedendo e ci si chiede cosa fare: è bene prendere sul serio le proprie sensazioni e osservazioni. Meglio non aspettare troppo e intervenire prontamente. Qui di seguito sono riportati alcuni suggerimenti per affrontare la questione e trovare delle soluzioni.

Nel limite del possibile, è importante mantenere la calma. Si può provare a parlare con la persona per tentare di capire cosa le sta succedendo e raccontarle ciò che si è osservato del suo comportamento, spiegando ciò che crea preoccupazione. Si può anche provare a incoraggiarla a consultare un professionista, come per esempio il medico di famiglia e magari proporre di accompagnarla all’appuntamento, se lo desidera.

È possibile che la persona si rifiuti di consultare un professionista. In questo caso è importante darle del tempo per riflettere. Può essere utile provare di nuovo a convincerla in un secondo momento, magari con il sostegno di un’altra persona di fiducia dell’entourage.

Se la persona accetta di consultare un professionista, è utile aiutarla a ottenere un incontro in tempi brevi. È anche possibile contattare le associazioni dei familiari, che possono fornire informazioni sui passi da intraprendere e offrire un sostegno adeguato nei momenti difficili. Nella nostra banca dati si possono trovare indirizzi utili.

La situazione diventa urgente quando la persona rischia di mettere in pericolo la propria vita o rappresenta un pericolo per gli altri. In questi casi è fondamentale chiamare un servizio d’emergenza. Si veda la pagina «Cosa fare in caso d’emergenza».

I vostri bisogni come familiare

Vivere accanto ad una persona colpita nella sua salute mentale può essere difficile da gestire nel quotidiano. Circolano molti pregiudizi sul tema della salute mentale. La paura di essere giudicati, la vergogna o il senso di colpa possono rendere difficile parlare delle proprie difficoltà e di quelle di un familiare. Si corre il rischio di chiudersi in se stessi e isolarsi con il proprio problema.

È importante che i familiari non restino soli con le proprie preoccupazioni. Si può provare ad esprimere le proprie difficoltà parlando con delle persone di fiducia del proprio entourage o partecipando a un gruppo di sostegno, che riunisce persone con esperienze simili. Anche i professionisti possono offrire guida e sostegno per affrontare al meglio le difficoltà. Si veda anche la pagina «Parlarne».

Occuparsi di una persona con problemi di salute richiede molta energia e impegno. In alcuni casi il benessere degli altri diventa più importante del benessere personale. Eppure è importante prendersi cura di se stessi e fare il pieno di energia per avere una maggiore resistenza.

È importante che i familiari abbiano dei momenti di riposo e tranquillità nei quali possono, per esempio, dedicarsi ad attività del tempo libero, praticare dello sport o fare una passeggiata per cambiare aria. Si veda anche la pagina «Cosa fare per prendersi cura della propria salute mentale».

È bene non esitare a informarsi e chiedere aiuto per accompagnare nel miglior modo possibile un familiare affetto da un disturbo psichico. I Cantoni, numerose istituzioni pubbliche e private, così come varie associazioni offrono una vasta gamma di servizi per i familiari. Nella nostra banca dati si possono trovare indirizzi utili.

Il ruolo del familiare curante

L’entourage di una persona malata o con disturbi psichici può svolgere un ruolo molto rilevante nel processo di cura. I familiari curanti possono essere preziosi intermediari tra il paziente e il personale medico.

Negli ultimi anni, il ruolo del familiare curante è sempre più riconosciuto. Le sue competenze e la sua conoscenza della persona in difficoltà sono utili per tutti e permettono ai professionisti di intervenire in modo più efficace.

Il 30 ottobre si celebra la giornata dei familiari curanti.

Link:

Top