Schizofrenia

La schizofrenia è un disturbo psichico che può avere diverse forme. Rientra nella categoria dei cosiddetti «disturbi psicotici».

La schizofrenia è caratterizzata da una perdita dell’unità psichica: il pensiero diventa confuso, il discorso talvolta illogico e difficile da seguire. Le emozioni espresse non hanno una relazione con la situazione reale. La persona può manifestare una certa disorganizzazione e avere dei comportamenti strani che il suo entourage non capisce.

Un altro sintomo della schizofrenia può essere la falsa percezione della realtà: la persona vede, sente o percepisce delle cose che sembrano non esistere. Può anche credere di essere perseguitata e avere l’impressione che i suoi pensieri siano ascoltati o rubati. La persona è convinta che ciò che percepisce è reale. I pensieri, le sensazioni e le visioni sono spesso accompagnati da una forte angoscia. Questi sintomi sono definiti «psicotici». Nella schizofrenia non si osserva però uno sdoppiamento della personalità.

La schizofrenia può avere un forte impatto sulla vita sociale e provocare una grande sofferenza. La persona si distacca dalla realtà, si rinchiude in se stessa e fa sempre più fatica a pensare, parlare e agire. Sviluppa difficoltà di concentrazione e problemi di memoria e si assiste a una riduzione delle reazioni emozionali. L’esordio del disturbo è spesso legato a una fase di cambiamento biologico (adolescenza, gravidanza, ecc.).

Spesso questo disturbo psichico si manifesta in modo progressivo ma talora può anche insorgere bruscamente. Si parla di schizofrenia quando il disturbo è presente in modo costante per un periodo di almeno sei mesi.

Torna alla lista

Come trattare la schizofrenia?

È importante consultare rapidamente un medico psichiatra perché prima si interviene, migliore sarà il decorso. Se i sintomi peggiorano si rende necessaria una presa in carico d’urgenza.

È fondamentale associare la cura psicoterapeutica a un trattamento farmacologico, per ridurre i sintomi psicotici e contribuire a migliorare la qualità di vita. È importante offrire un sostegno alla persona affetta affinché impari a conoscere bene il suo disturbo.

Nella maggior parte dei casi le cure vengono fornite in un contesto non ospedaliero. Il ricovero può essere necessario se la persona prova un forte senso di angoscia e rappresenta un pericolo per se stessa o per il proprio entourage.

Alcune persone affette da schizofrenia vivono in modo completamente autonomo, con o senza aiuto a domicilio, dopo aver ritrovato un nuovo equilibrio psichico (riabilitazione). Altre invece hanno bisogno di un sostegno più importante e di vivere, per esempio, in istituti residenziali (per esempio un foyer). In alcuni casi è necessario adottare misure di protezione della persona, come una curatela o un collocamento ai fini dell’assistenza.

Spesso la persona è seguita da un’equipe composta da diversi professionisti (ad esempio medico di famiglia, psichiatra, infermiere, assistente sociale) che la aiutano a migliorare la sua qualità di vita. Anche il sostegno dei familiari può essere molto prezioso.

Ulteriori informazioni si possono trovare sul sito dell’Associazione dei familiari e amici delle persone con disagio psichico VASK Ticino.

Consultare la nostra banca dati per trovare aiuto.

Top